PROGETTO interdisciplinare di sensibilizzazione nelle scuole primarie collegato a vari temi (inclusione, bullismo, ecc…)

CHISIAMO

Team for children Vicenza Onlus nasce dall’unione di forze di tante famiglie e di tanti volontari che mettono a disposizione il proprio tempo, l’entusiasmo e l’esperienza per aiutare i bambini colpiti da gravi patologie.

Offre supporto emotivo, affettivo ed economico ai bambini ed alle famiglie che, insieme ai loro piccoli, si ammalano. L’impegno dell’Associazione vicentina è di dare sostegno ai reparti di Pediatria di Vicenza e provincia, collaborando fattivamente anche con la Tin (Terapia intensiva neonatale).

Grazie alla sinergia con la Direzione sanitaria dell’Ospedale San Bortolo e la condivisione di intenti con la Fondazione San Bortolo Onlus siamo riusciti a rinnovare, in poco più di un anno, il Day hospital Oncoematologico di Vicenza, realizzato “a misura di bambino”, per far seguire ai piccoli pazienti le terapie indispensabili a vincere la battaglia. Grazie al Day hospital le famiglie della provincia di Vicenza hanno ridotto le trasferte, oltre ai rischi e disagi dei viaggi verso la clinica di Padova, che rimane punto di riferimento per le diagnosi.

Inoltre, il Day hospital è attivo per l’Oncoematologia, nonché per le analisi ai bambini diabetici, per le visite a prematuri e neonati, per tac e risonanze pediatriche.

Ma la nostra grande missione comincia ora, nel dare continuità a questo impegno ed acquistando materiali elettromedicali per migliorare l’assistenza ed in servizio rivolto ai bambini, anche contribuendo a ridurre i tempi di attesa. Inoltre, vogliamo continuare ad offrire alle famiglie le forme di sostegno necessarie, a seconda dei casi e delle esigenze.

Team for children Vicenza collabora fattivamente con la Direzione generale dell’Ulss 8 Berica, dedicandosi al reparto di Pediatria, al Day hospital Oncoematologico ed alla Tin (Terapia intensiva neonatale). L’Associazione vicentina è nata dall’esperienza di Team for children di Padova, fondata da Chiara Girello Azzena, con cui condivide l’importante mission di sostegno ed aiuto ai bambini ed alle famiglie.

PREMESSA

Questo progetto nasce dalla voglia di sensibilizzare l’individuo fin da piccolo, per far sì che cresca con un bagaglio personale ricco di contenuti e sensibile ai temi dell’inclusione, del bullismo, dell’accettazione personale (disturbi alimentari) ed interpersonale, accettare l’altro con le proprie diversità; infine, scoprire e valorizzare i propri “talenti”.

Il desiderio dell’Associazione è di non lasciare andare i bambini che purtroppo nel nostro percorso abbiamo salutato; perciò abbiamo deciso di collocarli “nella stanza accanto” e di farli rivivere in un libro. Ogni bambino è rappresentato da un animale, che lo caratterizza (con i propri talenti). Tutti i bambini vivono assieme in una foresta, un luogo incantato che accoglie e da nuova vita a tanti amici come la giraffa Michelle, la papera Juliette, la farfallina Angélique e molti altri. Qui i protagonisti affrontano ogni giorno nuove avventure, all’insegna dell’amicizia, del rispetto, del reciproco aiuto e vivono le loro storie come “Il Piccolo principe”, “Peter Pan” o “L’Isola che non c’è”.

Il progetto ha preso il via nel 2015 ed ha già interessato le scuole primarie di Carrè, Chiuppano, Zanè, Marola, Noventa Vicentina, Quinto Vicentino e le scuole secondarie di Marola, Grumolo delle Abadesse e Zanè. Dobbiamo ammetterlo, è nato in modo naturale ed ha preso forma dopo due anni di sperimentazione ed interazione con i ragazzi che, al nostro fianco, hanno fatto parte e scritto il primo libro “Niente è impossibile”.

Il libro raccoglie una serie di storie che sono il frutto della genuina fantasia di ragazzi e bambini che abbiamo incontrato nelle varie classi delle scuole dove siamo stati accolti.

Dopo i nostri incontri, i bambini saranno ricchi di stimoli che rielaboreranno e svilupperanno in maniera fantastica con le proprie insegnanti.

La storia finale darà vita al secondo libro “Niente è impossibile”.

Se ci pensate bene è un viaggio straordinario quello che andranno a fare i vostri alunni, perché saranno i registi e gli attori di una favola che, grazie alla loro fantasia, ridarà la vita ed un ricordo fiabesco a tutti i bambini che ci accompagnano da lassù. Non verrà condotta in maniera nostalgica, ma l’energia e la gioia caratterizzeranno le avventure di questi “personaggi” che con i loro talenti (le qualità personali) affronteranno mondi e storie meravigliose.

Il progetto è completamente gratuito per le scuole e rientra nell’ambito dei traguardi di sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza e delle abilità espressivo-linguistiche.

OBIETTIVI

  • Stimolare la fantasia inventando racconti fantastici, coerenti e coesi ed illustrando la storia in modo appropriato
  • Sensibilizzare gli alunni verso questa realtà ed educarli all’inclusione, al rispetto, alla conoscenza della malattia ed alla capacità di donare
  • Coinvolgere tutti gli alunni della classe
  • L’importanza di riuscire a lavorare in gruppo

DURATA

  • Un incontro per classe

DESTINATARI FINALI

  • Gli alunni della scuola primaria ( classe quinta)

TIPOLOGIA INTERVENTO

  • Incontro della durata di un’ora per classe (solo classi quinte)
  • Un incontro facoltativo formativo e di sensibilizzazione rivolto alle famiglie per spiegare di cosa si occupa l’Associazione.

STRUTTURA DELL'AZIONE

Modulo curriculare dell’attività di un’ora per classe da concordare nel periodo indicato dall’insegnante referente. Nel concordare le date degli interventi si terrà conto della data di adesione al progetto, che stabilirà delle priorità.

CONSULENTI

  • Insegnante scuola primaria
  • Psicologo
  • Presidente associazione

PERCORSO SCOLASTICO

  • Lezioni presso l’istituto scolastico
  • Incontro formativo

ORGANIZZAZIONE TEMPORALE

  • Mese di giugno-luglio: presentazione progetto
  • Mese di settembre: presentazione progetto definitivo, raccolta adesioni e programmazione lezioni
  • Periodo ottobre-aprile: lezioni
  • Periodo aprile-maggio: incontro finale

PROGETTO PARALLELO

Far conoscere la nostra Associazione ed i nostri progetti attivi all’ospedale di Vicenza.

RESPONSABILE DEL PROGETTO